Archivio mensile:dicembre 2014

L’angolo della tassata…per me è no

Ci sono certi giorni che sono un uragano di tassate, vi inviterei nella mia testa per farvi partecipare alla festa; coriandoli, musica, palloncini colorati, fuochi d’artificio, clown, giocolieri…tutto insomma, la mia testa è un tripudio di stupida allegria.

Ma oggi no, oggi non ho voglia di dire tassate, per me è NO; oggi voglio solo rimanere nel mio guscio, chiudermi a chiave e rimanere solo in mezzo al casino causato dalla solita festa senza mettere nulla a posto, bicchieri rovesciati, coriandoli gettati a terra, festoni un po’ sbilenchi, luci spente, palloncini abbandonati sul soffitto a svolazzare da soli fino a domani forse.

Ogni tanto qualcuno credo che bussi alla porta,un toc-toc sommesso appena accennato e un timido

“C’è nessuno? Posso entrare”

Credo che sia una “tassata” che vuole farsi avanti per vedere se dentro c’è qualcuno.Ma tanto non rispondo ne tantomeno apro la porta, me ne rimango da solo in un angolo a osservare il casino lasciato dalla festa.

 

L’angolo della tassata…tasso di battaglia

Le persone normali hanno un cavallo di battaglia, qualcosa che gli riesce bene , qualcosa che riuscirebbero a fare anche ad occhi chiusi; c’è chi sa ruttare tutto l’inno nazionale,chi è un asso negli addominali da tavola o nei bicipiti da bancone, addirittura conosco uno che ha come cavallo di battaglia il nascondino in tangenziale.

Io invece ho il tasso di battaglia, il non plus ultra della tassata, l’apice della stupidità comica, oltre a questa non c’è nulla, 10000 anni di comicità concentrati in un attimo, tutto quello che è venuto dopo è solo un miraggio effimero, nemmeno io potrò eguagliarmi; c’è da dire che anche il momento e il luogo sono stati propizi: politecnico, ing inf(mai completata per palese incapacità a concentrarmi su qualcosa di noioso per più di 10 secondi)lezione di analisi 2, presenti 300 studenti,1 docente; mi alzo in piedi, tutti tacciono:

“forse avrà qualche domanda da fare” pensano

“illusi” penso io, non sapevo nemmeno io che effetto avrei causato, il libro delle tassate  doveva ancora essere scritto, FL non mi aveva ancora conosciuto; ero ancora un fanciullo in questo campo, ma dovetti “tassare”.

Nulla sarebbe più stato come prima, ero ad un punto di svolta e non lo sapevo;

Probabilmente era la prima…e tassata fu.

se esiste un gatto persiano, esiste anche un gatto tapparello?

Il risultato? 10 minuti di applausi, insulti, risate e imprecazioni di varia natura…e ovviamente io che, come un eroe della leggenda, mi dirigevo vero l’uscita (cacciato ingiustamente dall’aula)

L’angolo della tassata…una buona parola per tutti

Con la persona che mi ha spronato a dire sempre più “tassate”, una peggio dell’altro, anni fa c’era un rapporto di odio, dolore e sottomissione, in pratica in ufficio era lei che gestiva il mio lavoro, da lei dipendeva il mio ritorno a casa la sera; ogni tanto però riuscivo a dimostrarle il mio affetto, anche con una tassata:

le tassate si perderanno come lacrime nella pioggia. E’ tempo di morire, FL ammazzati!

L’angolo della tassata…anche i browser hanno i loro problemi

Questa tassata non è contestualizzabile, è insensata, la capiranno in pochi e anche quelli che avranno un barlume di comprensione, dopo averla letta inizieranno ad inseguirmi con forconi e torce accese.

Come tutti sanno i browser(firefox, internet explorer…)hanno la malsana abitudine di memorizzare dati e informazioni sui siti visitati(si anche quelli porno ovviamente), questa zona di memoria è detta cache(si legge casc) ; è buona norma cancellarla ogni tanto e secondo me può avvenire anche in situazioni estreme a nostra insaputa:

se un browser si spaventa…si fa la cache addosso

L’angolo della tassata…tecniche di pesca

In ufficio un collega è appassionato di pesca e ogni tanto prova a farci capire quali sono le tecniche migliori;e che la pescata migliore si ottiene senza turbolenze nell’acqua, io non essendo pratico dell’argomento ho deciso di “tassare” dicendo una tassata:

ma con la turbolenza dovresti ottenere risultati migliori…è una canna da pesca velocissima

ps dopo questa sono stato selezionato come esca ideale per la pesca allo squalo

Serie A e Serie B

Ovviamente parlo di addobbi di Natale.

A casa mia l’8 dicembre si fa l’albero, cioè io convinco il Grinch(ho una mia versione personale del famoso cattivo di Natale che mi vive in casa tutto l’anno, è tangibile, non vedo roba inesistente) che almeno una volta l’anno può evitare di rompermi le palle se metto in giro per casa una cosa che attira polvere, molta polvere, quintali di polvere; talmente tanta che quest’anno abbiamo dovuto fargli prendere anche la residenza e abbiamo dovuto rispondere a suo nome(non aveva voglia di rispondere al telefono) all’istat.

Comunque dicevo l’8 dicembre si fa l’albero, il Grinch nella sua benevolenza decide quale addobbo va messo di fronte, visibile e alla vista di tutti (detto di Serie A) e quale deve essere relegato alle zone poco visibili dietro e sotto(detto di Serie B),il dietro-sotto è accessibile e visibile solo al gatto per ovvi motivi tecnici.

Renne, fatine , pallette colorate, angoletti che un anno fa erano li tronfi nella loro sbrillucicosità l’anno dopo si trovano surcalssati dalla nuova palletta in fibra di carbonio super aereodinamica in grado sia di riflettere che aumentare la potenza delle lucine.Chiunque entri nel raggio d’azione dell’albero di Natale è a rischio epilessia.

La loro colpa? Avere perso la perfetta gradazione di colore; come nemmeno il designer più scafato, il Grinch riesce a definire con precisione esadecimale la colorazione pantone dell’addobbo e retrocederlo in Serie B e a poco servono le lamentale mie e dell’addobbo stesso.

Io ogni tanto provo a dare pace ad uno di questi addobbi abbandonati facendolo cadere accidentalmente.

Quest’anno l’albero è fatto, le classifiche di Serie A e Serie B sono decise; a meno di scelte urgenti, per esempio un addobbo qualsiasi si rompe, le classifiche rimarranno quelle fino al prossimo anno.

Anno nuovo, palletta nuova.

l’angolo della tassata…le origini

…e fu cosi un giorno decisi di girare il link del mio blog alla persona che più di tutte mi aveva spronato a dire cazzate, comincio tutto qualche anno fa:

[anno 2000 e qualcosa , nel passato]

FL:andrea tutte le tue cazzate me le segnerò in un foglio da tramandare.

AT:ok fai pure

Cosi per me ogni giorno era una sfida a fare battute sempre più sceme….

[oggi]

AT:ciao FL, ti faccio un regalo di natale http://tassaccio.wordpress.com/2014/12/09/langolo-della-tassata-animali-un-po-aggressivi/

AT:ho aperto il blog con anche le tassate,ne pubblicherò una al giorno

FL:Grande!!!!

FL:Bravo Andre!
FL:Lo seguirò tutti i giorni, così potrò scuotere la testa è dire ecco l’ennesima Tassata
FL:ho sempre creduto nel tuo potenziale
FL:Ma ce le hai tutte le tassate? quelle che avevo raccolto?
AT:yes
AT:mi avevi fatto anche il pdf
FL:mamma mia, sono troppo professionale! La PM dei sogni proprio
FL:Mi piace il blog, semplice, chiaro!
AT:come una molinari
FL:esatto!

SAMBUCA MOLINARI