Archivio mensile:novembre 2014

Guarda mamma sono invisibile…

Come ogni anno, all’avvicinarsi delle feste, avviene qualcosa di magico; non escludo che possa trattarsi però di un evento naturale spiegabile attraverso una formula matematica complessa, dato che però per me la matematica è un opinione preferisco evitare.

Il fenomeno in questione lo chiamato:invisibilità cicciosa® ; qui di seguito ne ho abbozzato il teorema, sarà da rivedere dopo un ulteriore fase di test.

Il teorema dell’invisibilità cicciosa® dice che: dato un “tasso”, con massa corporea sopra i 100 chilogrammi,  immerso nella folla, la sua visibilità agli altri è inversamente proporzionale alla vicinanza con gli stessi componenti della folla. In pratica sabato pomeriggio in centro a Torino è praticamente invisibile.Il fenomeno è più marcato in prossimità delle feste:Natale, Pasqua, Capodanno.

Per confermare la teoria dell’invisibilità cicciosa® ho prontamente effettuato alcuni test che vado ad elencare:

1.Ponendomi di fronte ad un elemento della folla ho attirato l’attenzione del suddetto con i richiami tipici “Scusi, permesso, dovrei passare”; a conferma della mia tesi il soggetto non si è accorto della mia presenza.

2.Percorrendo ad andatura normale via Roma da nord a sud e da sud a nord (comunemente dette anche “vasche”),mantenendo costantemente il lato destro del marciapiede, i soggetti incrociati non hanno dato segno di aver notato la mia presenza colpendomi a loro insaputa con: cane al gunzaglio(di forme, dimensioni e colori vari), carrozzina(nella lista si va da una monoposto fino alla pluri-gemellare), borsa di carciofi(sisi quei cosi con le spine),scatolame vario, zucchero filato(alla fragola), palloncini (di varia forma e colore), ombrelli, caldarroste, bicicletta(colpendomi alle spalle…)

L’invisibilità cicciosa® dovrà essere ancora approfondita e studiata(comunque punto al Nobel nei prossimi 2 anni) dato che il perchè mi è ancora oscuro;cioè per descrivermi posso dirvi che sono un filino fuori forma o se preferite lo sono, ma la forma è una palla; oppure  potrei dirvi che se  mi preparo per la “prova costume” intendo il costume che metterò ad Halloween, probabilmente quello del Gabibbo o del pupazzo dei Marshmallow; oppure sull’etichetta della taglia dei miei vestiti c’è disegnato un piccolo godzilla;o anche che se mi vesto di rosso posso fare il pin segnaposto su google maps; insomma mi piazzo davanti a te, come fai a non vedermi?

Credo di essere ad un punto di svolta per il genere umano.

Adeus (arrivederci in portoghese?)

...e poi un giorno cosi inaspettatamente mi accorgo cosa vuol dire “mi manca una persona” non avrei mai pensato che potesse accadermi.(si lo so che ci rivedremo, non ti libererai cosi facilmente di me, ma comunque la scrivania qui rimane vuota)
Un giorno sei li a dire cazzate, a fare battute sceme e il giorno dopo le strade si dividono e ti ritrovi sullo stomaco il peso di qualcosa che manca.
Mi affeziono poco alle persone, diciamo che faccio molta seleziona all’ingresso, ma a quanto pare capita anche a me ogni tanto; sono più “umano” di quanto creda e non sono cosi orso come molti vorrebbero farmi credere?
Mi pare si dica che  alle persone che consideri amiche gli regali un pezzo del tuo cuore o della tua anima o un pezzo della tua merenda;credo che sia vero, oltretutto in ogni mia singola “tassata”  c’era e c’è un piccolo pezzo di me stesso.
L’unica cosa che posso sperare e che tutte le cazzate dette e fatte abbiano potuto alleggerire il peso della giornata lavorativa, sicuramente per me è cosi;e spero che ti accompagnino ovunque tu vada.
Grazie per avermi fatto da spalla e grazie per avermi concesso di essere la tua, un giorno saremo un duo comico formidabile.
Infine un arrivederci in portoghese:adeus
(anche se credo sia sbagliato perchè google translate da la stessa traduzione per addio)

una fontana (a riguardarla ora è pure brutta)

era da tanto che non  pensavo più a quel giorno di tanti anni fa,  ero solo un bambino; ormai di acqua sotto
 i ponti ne è passata parecchia e io da  bambino sono diventato adulto e purtroppo ho perso questo ricordo
 dimenticato sotto giornate e momenti difficili, o almeno cosi credevo. Ma in un giorno di pioggia
 è ritornato luminoso come non mai, come un pugno allo stomaco mi ha tolto il fiato…
eravamo io e mio padre, avrò avuto forse 5 anni, eravamo di fronte ad una fontana
 (a riguardarla ora e pure brutta)  ma a quel tempo mi sembrava il lago più bello del
 mondo e avrei fatto di tutto per portarne una goccia a mia madre, per poter condividere
 con lei quel momento. Ora a distanza di anni, mamma purtroppo non c’è più ma questo piccolo
 ricordo ha strappato un sorriso a papà e riportato un pochino di luce dove c’era oscurità

Desideri?(vorrei un genio della lampada, una stella cadente e una zeppola)

vorrei incontrare un genio della lampada per esprimere tre desideri, magari me ne bastano anche 2 e uno lo regalo al genio;è un po’ come con le stelle cadenti,
tutti esprimono desideri e sogni, ma alla stella nessuno pensa mai?nessuno le ha mai chiesto cosa vorrebbe fare?
Magari vorrebbe diventare una stella di hollywood o anche solo rimanere lassu a farsi i fatti suoi o a spiare i nostri.
Ma noi egoisticamente continuiamo a esprimere desideri pensando solo a noi stessi; ecco, se mai mi capitasse di vedere una stella cadente gli regalo il mio desiderio,
chissa magari ne fa buon uso, da lassu sicuramente avrà una visione più completa di tutto, avrà sicuramente molto tempo e molto spazio per pensare a cosa è meglio.
Però chissa quale può essere il desiderio di una stella, “vorrei tanto diventare una supernova, brillare infinitamente per un attimo diventare la cosa più luminosa dell’universo per poi esplodere”,
oppure “ma no preferisco stare qua in alto a brillare in eterno”; non escludo che alcune abbiano anche il desiderio di essere “cadenti” e diventare il sogno di qualcuno.
Forse quando ne incontro una glielo chiedo…se non esprimo prima un desiderio.